Wall Street chiude con forti guadagni all’inizio dell’ultimo trimestre

  • L’attività di fabbrica negli Stati Uniti è più lenta da circa 2,5 anni a settembre -ISM
  • Credit Suisse taglia l’obiettivo di fine anno 2022 per Citi S&P 500
  • Dal Dow, S&P 500, al Nasdaq

3 ott (Reuters) – I titoli di Wall Street hanno chiuso lunedì con forti guadagni all’inizio dell’ultimo trimestre di un anno impegnativo con rialzi dei tassi di interesse in un contesto di inflazione storicamente calda e timori di rallentamento della crescita economica.

Tutti gli 11 principali S&P 500 (.SPX) I settori sono entrati fortemente in territorio positivo (.SPNY) Essere un enorme guadagno.

I dati hanno mostrato che l’attività manifatturiera è aumentata al suo ritmo più lento a settembre quando i nuovi ordini sono diminuiti, poiché i tassi di interesse per frenare l’inflazione hanno smorzato la domanda di beni. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

L’Institute for Supply Management ha affermato che il suo PMI manifatturiero è sceso a 50,9 questo mese, stime mancanti ma ancora sopra 50, indicando una crescita.

“Il flusso di dati economici è effettivamente arrivato peggio del previsto. In modo molto negativo questa potrebbe essere una buona notizia per i mercati azionari”, ha affermato B. ha affermato Art Hogan, chief market strategist di Relay Wealth.

“(Anche se) buoni dati economici e metriche solide sono stati un catalizzatore per la vendita, questa è la prima volta che vediamo davvero che alcune notizie negative sono un catalizzatore”.

La sensibilità ai tassi ha ulteriormente sostenuto i titoli growth, con i rendimenti dei Treasury USA a 10 anni in calo dopo che il primo ministro britannico Liz Truss ha invertito la rotta sui tagli fiscali a un tasso molto più alto.

“I mercati dei rendimenti statunitensi si stanno ritirando – questo è positivo … ed è indicativo di un ambiente più avverso al rischio”, ha affermato Hogan.

Tutti e tre i principali indici sono scesi venerdì in un terzo trimestre volatile a causa dei crescenti timori che la politica monetaria aggressiva della Federal Reserve possa spingere l’economia in recessione.

Secondo i dati preliminari, l’S&P 500 (.SPX) In rialzo di 92,81 punti, ovvero del 2,54%, per chiudere a 3.678,43 punti, mentre il Nasdaq Composite (.IXIC) È aumentato di 235,42 punti o del 2,23% a 10.811,04. Media industriale del Dow Jones (.DJI) È aumentato di 764,52 punti o del 2,63% a 29.480,41.

Citigroup e Credit Suisse sono diventati gli ultimi broker a tagliare i loro obiettivi di fine anno 2022 per l’S&P 500 poiché i mercati azionari statunitensi si stanno prendendo il caldo dall’azione aggressiva della banca centrale per ridurre l’inflazione. leggi di più

Il Credit Suisse ha fissato un obiettivo di prezzo per la fine dell’anno 2023 per l’indice di riferimento a 4.050 punti e ha affermato che il 2023 sarà “un anno di crescita debole e non lenta e inflazione contenuta”.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La dichiarazione di Echo Wang a New York; Rapporti aggiuntivi di Angika Biswas e Bansari Mayur Kamdar a Bangalore; Fotografia di Anil de Silva, Arun Koyur e Richard Chang

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.