Una ragazza di 17 anni è uscita a nuoto dalla sua casa allagata con il suo cane e ha aspettato sul tetto per ore per essere soccorsa.

Vivendo con suo nonno a Whitesburg, nel Kentucky, Chloe è sola, con nessuno tranne la sua fedele compagna Sandy, un cane che ha da quando era piccola.

“C’era acqua fin dove potevo vedere”, ha detto alla CNN. “Ho avuto un attacco di panico in piena regola”.

Ma era determinata a uscire in sicurezza e portare con sé il suo cane.

I nonni di Chloe sono stati separati dalla nipote in una casa a pochi metri di distanza. Le hanno urlato contro e hanno esortato Chloe a rimanere dentro fino all’arrivo dei soccorsi. Ma con un piccolo servizio di telefonia mobile e il centro di emergenza, forse sopraffatto, che non rispondeva alle sue chiamate, Chloe ha detto di aver capito che doveva uscire per sopravvivere.

“Il mio pensiero successivo è stato che avremmo dovuto nuotare fino a casa di mio zio”, dove la sua famiglia si era rifugiata, ha detto. “Ho messo Sandy in acqua per un po’ per vedere se sapeva nuotare. Ma non poteva, quindi l’ho presa in braccio e sono entrata e ho guadato l’acqua fino alla vita per cercare di trovare qualcosa su cui potesse galleggiare. .”

Dopo aver controllato altri mobili, Chloe ha messo il suo cane in un cassetto di plastica del suo armadio ad asciugare, quindi ha posizionato il cassetto su un cuscino del divano per tenerla a galla.

“Finalmente avevo un piano che credevo potesse funzionare”, ha detto. “Conoscevo i pericoli di provare a nuotare in acque profonde e in movimento, ma sentivo di non avere scelta”.

Nuotò nell’acqua fredda, spingendo il cuscino di Sandy davanti a sé, finché non raggiunse il tetto fragile di un vicino magazzino; L’unica parte della struttura non ancora sommersa.

Lì, i due rimasero seduti per più di cinque ore prima che il cugino di Chloe salvasse Dean e il suo cane con l’aiuto di un kayak. Nelle vicinanze, la famiglia di Chloe si è rifugiata al secondo piano della casa di suo zio e le ha parlato dopo averla notata in attesa di aiuto.

Quando l’adolescente è tornata a casa di sua nonna, è stata sopraffatta dal “sollievo dal fatto che io e Sandy fossimo sopravvissuti all’alluvione”.

“Il mio cuore va a tutti gli altri che hanno perso e sofferto più di me in questo terribile disastro”, ha aggiunto Chloe.

In un post su Facebook dopo il salvataggio, il padre dell’adolescente, Terry Adams, ha definito sua figlia un “eroe”.

“Oggi abbiamo perso tutto”, ha scritto. “Tutto tranne il più importante.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.