Steve Cohen riceve il trattamento da eroe al Mets Old Timers Day

Gli ex giocatori hanno applaudito e applaudito mentre si univa a loro per una foto di gruppo Il giorno dei vecchi tempi.

La folla dietro la panchina della terza base ha ruggito, poi in diverse occasioni ha cantato: “Grazie, Steve”.

Steve Cohen I Mets sono stati trattati come eroi quando hanno accolto alcuni dei loro più grandi giocatori nella storia della franchigia per un evento che hanno ospitato l’ultima volta nel 1994.

Steve Cohen
Corey Sipkin

“È il loro giorno, non è il mio giorno, ok”, ha detto Cohen prima di sabato I Mets hanno battuto le Montagne Rocciose 3-0. “Sono contento di essere stato in grado di riunirli. È meglio tardi che mai. Abbiamo una storia così grande con i Mets ed è importante celebrarla.

È uno dei tanti cambiamenti sotto la sorveglianza di Cohen intorno ai Mets. Dalla statua di Tom Seaver che è stata completata a maggio alle sue interazioni con i fan su Twitter ai loro alti stipendi all’apice del gioco, molto è cambiato sui Mets con la nuova proprietà.

La squadra attuale ha 35 partite su .500 nella NL East, il miglior record di questa stagione dalla squadra campione del mondo nel 1986.

“Ha portato un senso di ottimismo, ed è il modo migliore per andare”, ha detto l’ex Met e attuale analista di AM ed ESPN David Cone. “L’intera base di fan ora è fiduciosa che sia sostenibile. Anno dopo anno, qualunque cosa serva, funzionerà. È una bella sensazione come fan. Sembra capire il modo moderno di fare le cose e qual è la base di fan rispondendo alle.”

Un fan dei Mets cresciuto, Cohen ha detto che non trova strano che i Mets non abbiano un Old Timer’s Day ogni anno come i rivali Yankees. Ma una volta che ha preso il posto di Wilbons, l’idea è stata suggerita e lui era d’accordo. L’attuale manager Buck Showalter ha elogiato Cohen per essere disposto a spendere i soldi necessari per organizzare un evento così spettacolare.

“Fidati di me, non passerà inosservato”, ha detto Showalter. “Gli ho detto, ‘Grazie’. Non voleva sentirlo.

Cohen era entusiasta dell’opportunità di sedersi negli spogliatoi con giocatori di ogni epoca del baseball dei Mets e ascoltare molte storie degli ex giocatori che è cresciuto guardando. Quei giocatori sono rimasti entusiasti di lui e della sua passione per i Mets.

“Sta decisamente cambiando le cose”, ha detto Gooden. “Lo sa e lo capisce. … Niente contro i Wilbons, anche loro sono stati fantastici, ma lo sta portando a un livello completamente diverso. Quello che sto dicendo è riavere gli ex alunni, mettere i fan al primo posto e l’organizzazione, rimettendo in campo una squadra competitiva.

Sia Cohn che Gooden credono che i Mets possano essere un vincitore coerente, come lo erano negli anni ’80. C’è entusiasmo per la squadra per questa stagione e oltre. C’è un senso di orgoglio nella storia dei Mets sotto Cohen.

L’Old Timer’s Day di sabato è stato memorabile, attirando artisti del calibro di Pedro Martinez, Cleon Jones, Darryl Strawberry, Doc Gooden, Mike Piazza e Jose Reyes. Prima dell’inizio del gioco vero e proprio, i Mets avevano il n. In pensione dalle 24.

“Sono cose semplici. Penso che i fan vogliano sapere che sei interessato e vogliono sapere che il franchise sta ascoltando. Questo è quello che sto cercando di fare”, ha detto Cohen. “Lo sto facendo per i fan, quindi li ascolto. Non devo sempre essere d’accordo, ok, ma per me è importante sapere cosa stanno pensando, ed è importante per me che sappiano che ci tengo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.