Rakesh Jhunjhunwala, il “Warren Buffet of India”, è morto all’età di 62 anni.

Mumbai, agosto 14 (Reuters) – L’investitore azionario Rakesh Jhunjhunwala, noto come l’indiano Warren Buffett, è morto domenica all’età di 62 anni con un patrimonio netto di 6 miliardi di dollari, ha detto la sua famiglia.

Jhunjhunwala, un dottore commercialista dello stato desertico del Rajasthan, iniziò ad acquistare azioni mentre era al college e gestiva una società di compravendita di azioni chiamata RARE Enterprises.

“Rakesh-ji è morto circondato dalla sua famiglia e dai suoi stretti collaboratori”, ha detto a Reuters un membro della famiglia, usando un termine di rispetto.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La causa della morte non è stata immediatamente annunciata.

Jhunjhunwala, il promotore della nuova compagnia aerea low cost indiana Agasa Air, è apparso al suo lancio pubblico pochi giorni fa. Ha una moglie e tre figli.

Uomini d’affari e banchieri di Mumbai, la capitale finanziaria dell’India, sono stati associati a lui per più di 30 anni, affermando che le eccellenti capacità comunicative di Jhunjhunwala hanno aiutato i piccoli investitori a comprendere il mercato azionario. La sua conoscenza dell’economia e delle istituzioni lo ha reso un personaggio televisivo popolare.

Le gare di Jhunjhunjhwala includono diverse società gestite dal Tata Group, uno dei più grandi conglomerati dell’India. Questo include Tata Motors (TAMO.NS)Il produttore di orologi Titan (TITN.NS)Tata comunicazioni (TATA.NS) e Indian Hotels Co (IHTL.NS)Gestisce Taj Hotels.

Altri investimenti includono Indiabulls Housing Finance (INBF.NS)Assicurazione sanitaria stellare (STAU.NS) e la Federal Reserve Bank (FED.NS)

Politici di spicco e magnati degli affari hanno condogliato la sua morte sui social media.

“Rakesh Jhunjhunwala è irrefrenabile”, ha twittato il primo ministro Narendra Modi.

“Vita, umorismo e intuizione, lascia un contributo indelebile al mondo della finanza. Era anche molto interessato ai progressi dell’India. La sua scomparsa è rattristata. Le mie condoglianze alla sua famiglia e ai suoi fan”.

Modi ha concluso con “Om Shanti”, un appello alla pace.

Uday Kotak, amministratore delegato di Kotak Mahindra e un amico dei tempi della scuola, ha affermato che Jhunjhunwala “credeva che le azioni stessero sottovalutando l’India” e aveva ragione.

“Sorprendentemente acuto nella comprensione dei mercati finanziari”, ha twittato Kodak. “Abbiamo parlato costantemente, di più durante il covid. Ci mancherai Rakesh!”

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rupam Jain e M. a Mumbai. Segnalazioni di Sriram e Mrunmai Dey a Bangalore; Montaggio di Jacqueline Wong e William Mallard

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.