Putin ha sollevato dubbi sull’accordo sul grano ucraino e sulle forniture di gas all’Europa

  • Putin ha accusato Kiev e l’Occidente di aver violato l’accordo sul grano
  • La Russia vuole discutere la modifica dei termini del trattato
  • L’Europa minaccia di tagliare le esportazioni di energia se controlla i prezzi

KIEV, 7 set. (Reuters) – Il presidente Vladimir Putin ha proposto mercoledì di riaprire un accordo mediato dalle Nazioni Unite sulle esportazioni di grano ucraino attraverso il Mar Nero e ha minacciato di tagliare tutte le forniture di energia all’Europa se Bruxelles dovesse ridurre i prezzi del gas russo.

In un discorso di guerra in un forum economico nella regione dell’Estremo Oriente russo, Putin ha fatto poca menzione della sua invasione dell’Ucraina, ma ha risposto a una domanda dicendo che la Russia non avrebbe perso la guerra e aveva rafforzato la sua sovranità.

Sul campo, i funzionari ucraini erano a bocca aperta su come stesse procedendo la controffensiva lanciata alla fine del mese scorso, ma un funzionario con sede in Russia nell’Ucraina orientale ha affermato che le forze ucraine avevano attaccato una città lì.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

L’accordo sul grano, facilitato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia, ha creato un corridoio protetto per le forniture alimentari ucraine dopo che Kiev ha perso l’accesso alla sua principale rotta di esportazione quando la Russia ha attaccato l’Ucraina via terra, aria e mare.

L’accordo, progettato per abbassare i prezzi alimentari globali aumentando le forniture, è l’unica svolta diplomatica tra Mosca e Kiev in più di sei mesi di guerra.

Ma Putin ha affermato che l’accordo dovrebbe dare la priorità ai paesi più poveri rispetto alle consegne di grano, fertilizzanti e altri alimenti all’UE e alla Turchia.

“Vale la pena considerare come limitare l’esportazione di grano e altri prodotti alimentari in questo modo”, ha affermato, aggiungendo che la Russia continuerà ad aderire ai suoi regolamenti nella speranza di raggiungere i suoi obiettivi originali.

“Consulterò sicuramente il presidente della Turchia, il signor (Tayyip) Erdogan su questo argomento, perché lui ed io siamo stati i primi a creare un meccanismo per esportare grano ucraino, lo ripeto, per aiutare i paesi poveri”.

Il contratto è in scadenza a fine novembre.

L'”aggressione” dell’Ucraina colpisce la Russia

L’Ucraina, i cui porti sono stati bloccati dalla Russia, ha affermato che i termini firmati il ​​22 luglio sono stati rigorosamente rispettati e non vi erano basi per la rinegoziazione.

“Dichiarazioni così inaspettate e infondate rappresentano un tentativo di trovare nuovi spunti di discussione aggressivi per influenzare l’opinione pubblica globale e, soprattutto, fare pressione sulle Nazioni Unite”, ha affermato il consigliere presidenziale Michało Podoliak. leggi di più

L’accordo ha fornito a Kiev le entrate tanto necessarie per la sua economia devastata dalla guerra. Non specifica in quali paesi dovrebbe andare il grano ucraino e le Nazioni Unite hanno sottolineato che non si tratta di una misura commerciale-umanitaria.

Secondo i dati del Coordination Group con sede a Istanbul, che monitora l’accordo, il 30% delle merci destinate o destinate alla Turchia è andato verso paesi a basso e medio reddito.

Putin si è lamentato del fatto che un’altra parte dell’accordo, che ha allentato le restrizioni agli esportatori e agli esportatori alimentari russi, non era stata attuata. Per saperne di più Le esportazioni di grano dalla Russia ad agosto saranno inferiori del 28% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo una previsione della società di consulenza russa Sovecon.

L’altro grande effetto globale del conflitto è stato un aumento dei prezzi dell’energia, poiché l’Occidente ha risposto con sanzioni e Mosca ha limitato le esportazioni di gas all’Europa, incolpando le restrizioni occidentali e problemi tecnici.

L’Unione Europea è pronta a proporre un tetto massimo di prezzo per il gas russo questo inverno per cercare di contenere una crisi energetica che minaccia disagi diffusi, con Putin che minaccia di tagliare tutte le forniture se verrà fatta una mossa del genere.

“Ci saranno decisioni politiche che contraddicono gli accordi? Sì, non li adempiremo. Non offriremo nulla se è contro i nostri interessi”, ha detto Putin.

“Non forniamo gas, petrolio, carbone, olio da riscaldamento – non forniamo nulla”.

L’Europa importa tipicamente il 40% del suo gas e il 30% del suo petrolio dalla Russia.

Il turco Erdogan ha rimproverato l’Occidente per aver provocato Putin, mentre il presidente serbo Aleksandar Vučić ha affermato che se gli europei speravano nel successo militare in Ucraina, avrebbero dovuto resistere non al freddo, ma all’inverno “polare”. leggi di più

Alla domanda su ciò che la Russia ha chiamato la sua “operazione militare speciale” in Ucraina in un forum a Vladivostok, Putin ha detto: “Non abbiamo perso nulla e non perderemo nulla … il vantaggio principale è rafforzare la nostra sovranità”.

Il governatore della regione ucraina di Luhansk orientale, che la Russia afferma di aver sequestrato per conto di delegati separatisti, ha affermato martedì che una controffensiva ucraina sta riscuotendo “un certo successo”, ma ha evitato i dettagli.

Un funzionario dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk filo-Mosca ha affermato che sono in corso combattimenti tra Kharkiv e Issem, controllata dai russi, nella città orientale di Balaklia, che ospita 27.000 persone.

Daniel Besonov telegrafò che se la città fosse stata persa, le forze russe a Isium avrebbero sofferto nel loro fianco nord-ovest. La Russia afferma di aver respinto un attacco nel sud e di non aver riportato perdite territoriali.

La Russia ha catturato l’insediamento di Kotema nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale, dalle forze ucraine, ha affermato il ministero della Difesa russo.

Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente gli account del campo di battaglia.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalato da Reuters; di Andrew Osborne e Andrew Cawthorne; Montaggio di Philippa Fletcher

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.