Notizie dal mercato azionario: futures deboli, calo della sterlina britannica, aumento dei prezzi della benzina

I futures sulle azioni vengono scambiati al ribasso per iniziare la settimana

I futures sulle azioni statunitensi sono stati scambiati in ribasso lunedì. Dopo un’altra settimana brutale per le azioni.

I principali indici futures puntavano a un calo dello 0,1% con l’apertura degli scambi a Wall Street.

Il Dow Jones Industrial Average ha colpito brevemente un mercato ribassista venerdì prima di ritirarsi leggermente da un calo di 700 punti. La media è ora al livello più basso da novembre 2020. Si è ritirato ai minimi di giugno quando l’S&P 500 e il Nasdaq Composite hanno registrato perdite per la seconda settimana consecutiva.

I prezzi del petrolio sono scesi per il secondo giorno lunedì, temendo che un rallentamento globale alimentato dall’aumento dei tassi di interesse possa smorzare la domanda di carburante e che un dollaro USA in aumento stia limitando la capacità dei consumatori non in dollari di acquistare petrolio greggio.

I future sul greggio US West Texas Intermediate (WTI) sono stati scambiati a circa $ 77,00 al barile.

Il petrolio greggio Brent veniva scambiato intorno a $ 85,00 al barile.

Lunedì le azioni asiatiche sono scese e la sterlina britannica è scesa ulteriormente, riflettendo il pessimismo sugli sforzi delle banche centrali di tutto il mondo per controllare l’inflazione.

Il benchmark giapponese Nikkei 225 ha perso il 2,6%, l’Hang Seng di Hong Kong ha perso lo 0,4% e lo Shanghai Composite cinese ha perso l’1,2%.

Wall Street ha chiuso la scorsa settimana con vendite diffuse, lasciando i principali indici alla quinta perdita in sei settimane.

L’S&P 500 è sceso dell’1,7% a 3.693,23 venerdì, il suo quarto calo consecutivo. Il Dow, che a un certo punto è sceso di oltre 800 punti, ha perso 486,27 punti, ovvero l’1,6%, chiudendo a 29.590,41. Il Nasdaq è sceso dell’1,8% a 10.867,93.

La sterlina britannica è ai minimi degli ultimi quattro decenni

La sterlina è scesa al minimo da quattro decenni lunedì sulla speculazione che il piano economico del nuovo governo avrebbe allungato le sue finanze al limite.

La sterlina è scesa a $ 1,0349 per dollaro USA all’inizio di lunedì, ma in seguito è scesa del 2,3% a $ 1,0671.

L’euro ha toccato un nuovo minimo da 20 anni rispetto al dollaro a causa dei timori di recessione mentre la crisi energetica si estende fino all’inverno in mezzo all’escalation della guerra in Ucraina.

La sterlina è scesa del 3,61% venerdì.

La benzina è salita per il sesto giorno consecutivo

Il prezzo medio di un gallone di benzina normale negli Stati Uniti è in aumento.

I prezzi sono saliti a $ 3,725 al gallone lunedì e $ 3,417 al gallone domenica, secondo AAA.

Dopo 100 giorni consecutivi di calo durante la stagione estiva, i prezzi hanno ricominciato a salire la scorsa settimana.

Questo è stato un aumento di sei giorni a partire da mercoledì mattina, da $ 3,674 del giorno precedente a $ 3,681 al gallone.

Il prezzo medio per una settimana è di $ 3,678. Un anno fa era $ 3.188.

Amazon terrà un evento di vendita a metà ottobre

Amazon terrà un altro evento di shopping simile al Prime Day a ottobre.

L’azienda è l’ultimo importante rivenditore ad offrire offerte per le vacanze all’inizio di quest’anno per attirare i consumatori cauti con budget limitati.

L’evento si svolgerà l’11 e il 12 ottobre, ha riferito l’Associated Press.

L’evento segna la prima volta che Amazon organizza un importante evento di vendita due volte l’anno e segue il suo Prime Day annuale a luglio.

Segna un riconoscimento da parte di Amazon che i rivenditori dovranno offrire più offerte ai consumatori a corto di liquidità in quella che dovrebbe essere una stagione impegnativa per lo shopping natalizio.

I prezzi del petrolio scendono per i timori di recessione

I prezzi del petrolio sono scesi per il secondo giorno lunedì, temendo che un rallentamento globale alimentato dall’aumento dei tassi di interesse possa smorzare la domanda di carburante e che un dollaro USA in aumento stia limitando la capacità dei consumatori non in dollari di acquistare petrolio greggio.

I future sul greggio US West Texas Intermediate (WTI) sono stati scambiati a circa $ 77,00 al barile.

Il petrolio greggio Brent veniva scambiato intorno a $ 85,00 al barile.

Entrambi i contratti sono scesi di circa il 5% venerdì, il minimo da gennaio.

L’indice del dollaro, che misura il biglietto verde rispetto a un paniere di valute principali, lunedì ha raggiunto il massimo da 20 anni. Un biglietto verde forte tende a ridurre la domanda di petrolio denominato in dollari perché gli acquirenti che utilizzano altre valute devono spendere di più per acquistare greggio.

Reuters ha contribuito a questo post.

Lunedì mattina i prezzi delle criptovalute per Bitcoin, Ethereum e Dogecoin sono aumentati

Bitcoin veniva scambiato intorno a $ 18.000 e una settimana dopo ha perso il 3%.

Per il mese, la criptovaluta è aumentata di oltre il 6% e da inizio anno di oltre il 59%.

Ethereum veniva scambiato intorno a $ 1.200 e una settimana dopo ha perso il 3%.

Dogecoin è stato scambiato a 6 centesimi una settimana dopo, in cui ha guadagnato oltre il 6%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.