Mar-a-Lago di Trump è stato perquisito dall’FBI in un’indagine sui documenti

L’ex presidente ha confermato la presenza di agenti dell’FBI a Mar-a-Lago e ha detto che “hanno violato anche la mia sicurezza”. Era alla Trump Tower di New York quando il mandato di perquisizione è stato eseguito in Florida, ha detto alla CNN una persona familiare.

“La mia bella casa a Palm Beach, in Florida, Mar-a-Lago, è attualmente sotto assedio, perquisita e occupata da un folto gruppo di agenti dell’FBI”, ha detto Trump in una dichiarazione lunedì sera.

La mossa insolita di perquisire la casa dell’ex presidente alza la posta in gioco per il Dipartimento di Giustizia e i problemi legali di Trump continuano su più fronti. Trump dovrebbe annunciare nei prossimi mesi che lancerà un’altra offerta per la Casa Bianca nel 2024.

La ricerca è iniziata lunedì mattina presto e le forze dell’ordine si sono concentrate sull’area del club in cui si trovano gli uffici e le residenze private di Trump, ha detto una persona a conoscenza della questione.

La ricerca dell’FBI ha esaminato dove sono stati conservati i documenti e sono state prelevate scatole di oggetti, secondo un’altra persona che ha familiarità con l’indagine. Dopo che gli archivi nazionali hanno recuperato i documenti della Casa Bianca da Mar-a-Lago negli ultimi mesi, l’FBI ha dovuto verificare lunedì che nulla fosse stato lasciato indietro.

Il figlio di Trump, Eric, ha detto al conduttore della Fox Sean Hannity: “Sai che lo scopo di questa ricerca, da quello che hanno detto, è confermare se gli archivi nazionali hanno o meno documenti di Donald Trump”.

L’avvocato di Trump, Christina Papp, ha detto che l’FBI ha sequestrato i documenti. “Il presidente Trump e il suo team legale hanno collaborato con i funzionari dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia in ogni fase del processo. L’FBI ha condotto un raid senza preavviso e sequestrato il giornale”, ha detto Popp.

C’è stata una comunicazione tra l’FBI e i servizi segreti statunitensi prima che il mandato di perquisizione di lunedì fosse eseguito, ha detto una persona a conoscenza della questione, consentendo all’FBI l’accesso alla proprietà senza problemi. Mar-a-Lago ha solo una piccola impronta dei servizi segreti in assenza di Trump.

La CNN ha contattato l’FBI per un commento. Il Dipartimento di Giustizia ha rifiutato di commentare alla CNN.

Un funzionario della Casa Bianca ha affermato di non essere stato informato della perquisizione. Il presidente Joe Biden, un alto funzionario dell’amministrazione, ha affermato di non essere a conoscenza della ricerca di Mar-a-Lago fino a quando non è stata diffusa la notizia.

Indagine sui documenti

Gli archivi nazionali, incaricati di raccogliere e smistare gli effetti personali del presidente, hanno precedentemente affermato che almeno 15 scatole di documenti della Casa Bianca sono state recuperate dal resort di Trump a Mar-a-Lago. Alcuni sono stati classificati.

All’inizio di giugno, una manciata di investigatori ha fatto una rara visita alla proprietà per cercare maggiori informazioni sul materiale classificato del tempo di Trump alla Casa Bianca che era stato trasferito in Florida. Secondo una fonte informata sull’incontro, quattro investigatori, tra cui Jay Pratt, capo della divisione controspionaggio e controllo delle esportazioni del Dipartimento di giustizia, si sono seduti con due degli avvocati di Trump, Bob ed Evan Corcoran.

All’inizio dell’incontro, Trump si è fermato e ha salutato gli investigatori vicino a una sala da pranzo. Dopo la sua partenza, senza rispondere a nessuna domanda, gli investigatori hanno chiesto agli avvocati se potevano vedere dove Trump conservava i documenti. I pubblici ministeri hanno condotto gli investigatori in una stanza nel seminterrato dove erano conservate scatole di oggetti e gli investigatori si sono guardati intorno prima di andarsene, secondo la dichiarazione giurata.

Trump valuta il rischio se tratta male i documenti della Casa Bianca

Una seconda fonte ha detto che Trump si è fermato a salutare e ha fatto chiacchiere, ma se n’è andato mentre gli avvocati hanno parlato con gli investigatori. La fonte ha affermato che alcuni dei documenti mostrati agli investigatori avevano contrassegni riservati.

Cinque giorni dopo, l’8 giugno, gli avvocati di Trump hanno ricevuto una lettera dagli investigatori che chiedevano loro di mettere ulteriormente in sicurezza la stanza in cui erano conservati i documenti. Gli assistenti in seguito hanno aggiunto una serratura alla stanza.

Ad aprile e maggio, gli assistenti di Trump a Mar-a-Lago sono stati intervistati dall’FBI nell’ambito di un’indagine sulla gestione dei documenti da parte del presidente, secondo una fonte a conoscenza della questione.

“L’eliminazione indebita di documenti riservati è un crimine federale, quindi se devi compilare quella dichiarazione giurata ed elencarla come un crimine, puoi elencarla come un crimine”, ha affermato Eli Honig, un ex pubblico ministero federale e statale. Analista legale senior della CNN.

Honig ha detto a Erin Burnett della CNN su “OutFront” che la ricerca è stata programmata in linea con una regola di vecchia data del dipartimento di non fare mosse politicamente sensibili entro 90 giorni dalle elezioni.

“Oggi mancano esattamente 90 giorni dal midterm, penso forse 91 o 92 giorni. Quella politica, probabilmente è uno dei motivi per cui l’hanno fatto oggi, perché vogliono essere chiari se lo spiegano. La regola dei 90 giorni, ” Egli ha detto.

I membri del GOP sostengono Trump

La presidente del Comitato nazionale repubblicano Rona McDaniel ha dichiarato in una dichiarazione che i democratici “continuano a armare la burocrazia contro i repubblicani” e diversi legislatori repubblicani sono venuti in difesa dell’ex presidente sui social media.

Il leader della minoranza alla Camera Kevin McCarthy, repubblicano della California, ha scritto Ha detto di aver “visto abbastanza”.
Prima CNN: i file di Alex Jones sono stati consegnati alla commissione il 6 gennaio, afferma la fonte

“Procuratore generale (Merrick) Garland: proteggi i tuoi documenti e cancella il tuo calendario. Ho visto abbastanza. Il Dipartimento di giustizia ha raggiunto un livello intollerabile di politicizzazione armata”, ha scritto il presidente. “Quando i repubblicani riprenderanno la Camera, controlleremo immediatamente il dipartimento, seguiremo i fatti e non lasceremo nulla di intentato”.

Il senatore GOP della Florida Rick Scott, “Abbiamo bisogno di risposte ora. L’FBI deve spiegare cosa stanno facendo oggi e perché”.

Ma il presidente della Commissione di sorveglianza della Camera, che sta indagando sulla gestione dei documenti da parte di Trump, ha invitato il Dipartimento di Giustizia a “indagare a fondo” sulla gestione delle informazioni da parte dell’ex presidente.

“I presidenti hanno il sacro dovere di proteggere la sicurezza nazionale americana e le accuse secondo cui l’ex presidente Trump ha messo a repentaglio la nostra sicurezza gestendo in modo improprio informazioni riservate dovrebbero giustificare un attento esame”, ha affermato la rappresentante Carolyn Maloney, democratica di New York.

“Mentre i dettagli delle operazioni odierne a Mar-a-Lago stanno ancora emergendo, è chiaro che il Dipartimento di Giustizia deve indagare a fondo sulla presunta cattiva gestione delle informazioni riservate da parte del presidente Trump”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Dana Bash, Zachary Cohen, Jeremy Diamond, Shawna Mizell e Megan Trimble della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.