L’FBI ha intervistato i migliori avvocati della Casa Bianca sulla mancanza di documenti Trump

Il presidente Donald J. Sotto Trump, l’avvocato della Casa Bianca e il suo partner, Pat A. Cipollone e Patrick F. Philbin e Mr. in Florida. Sono stati intervistati dall’FBI su scatole di documenti sensibili nascosti nella casa di Trump dopo che ha lasciato l’ufficio. , hanno detto tre persone che hanno familiarità con la questione.

Sig. Cipollone e il sig. Philbin è il sig. È noto che le persone più anziane che hanno lavorato per Trump sono state intervistate dagli investigatori dopo che gli Archivi nazionali hanno riferito la questione al Dipartimento di Giustizia quest’anno. Queste interviste, sig. È un segno dell’intensità dell’indagine su come i materiali del governo che hanno lasciato la Casa Bianca con Trump siano rimasti a Mar-a-Lago, la sua residenza di Palm Beach, in Florida, per più di un anno.

Sig. Philbin è stato intervistato in primavera, secondo due persone che hanno familiarità con la questione, e gli investigatori hanno detto che il sig. I membri della cerchia di Trump sono stati contattati per scoprire come sono state classificate le 15 scatole. A Mar-a-Lago. Sig. Non è chiaro quando sia stato intervistato Cipollone.

Sig. Cipollone e il sig. Mr. Philbin per gestire gli Archivi Nazionali. Due dei rappresentanti di Trump; Sono stati nominati agli incarichi poco prima della fine del mandato del presidente nel gennaio 2021. Un altro è l’ex capo di gabinetto della Casa Bianca Mark Meadows.

Dopo che i funzionari degli archivi nazionali si sono resi conto di non avere più i documenti della Casa Bianca di Trump che devono essere protetti ai sensi del Presidential Records Act, Mr. Philbin è stato contattato.

Sig. Un portavoce di Philbin non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Sig. Philbin ha cercato di aiutare gli archivi nazionali a recuperare il materiale, hanno detto due persone che hanno familiarità con le discussioni. Ma l’ex presidente ha ripetutamente resistito alle suppliche dei suoi consiglieri.

“Non è loro, è mio”, ha detto il sig. Diversi consiglieri dicono che Trump glielo ha detto.

Sig. Il signor Trump, insieme al dittatore nordcoreano Kim Jong-un, erano tra gli oggetti portati via dalla Casa Bianca quando se ne andò. La corrispondenza di Trump arriva anche dall’ex presidente Barack Obama a Mr. C’era anche una lettera a Trump. Obama ha lasciato la Casa Bianca.

Ma c’erano anche vari documenti che viaggiavano a Mar-a-Lago.

L’ex presidente ha restituito 15 scatole di oggetti agli archivi nazionali a gennaio, ma il Dipartimento di Giustizia ha emesso un mandato di comparizione a maggio per documenti che si ritiene siano ancora nel suo club. Il 3 giugno, gli agenti del controspionaggio della divisione di sicurezza nazionale del Dipartimento di giustizia si sono recati a Mar-a-Lago per raccogliere i documenti rimanenti con identità riservate.

Sig. L’avvocato di Trump, Evan Corcoran, avrebbe suggerito che l’ex presidente stabilisse con il Dipartimento di Giustizia gli oggetti, che erano tenuti in scatole in un’area di stoccaggio nel seminterrato, prima di quell’incontro. Per chi ha familiarità con l’azione. Non è chiaro se sia stato l’unico a farlo.

A quel tempo, almeno un avvocato di Trump ha firmato una dichiarazione in cui affermava di aver ritirato materiale con segni classificati, secondo quattro persone che hanno familiarità con il documento, anche se non era chiaro cosa certificasse la dichiarazione. Sig. Due avvocati che hanno lavorato con il signor Trump Corcoran e Christina Bob.

Ma gli agenti in seguito hanno utilizzato un mandato di comparizione per ottenere filmati di sorveglianza di un corridoio fuori da un ripostiglio a Mar-a-Lago e hanno visto qualcosa che li ha spaventati. Hanno anche ricevuto informazioni da almeno un testimone che ha indicato che più oggetti potrebbero essere in casa, hanno detto persone che hanno familiarità con l’indagine.

Contattato dall’FBI da quando il gran giurì è stato istituito quest’anno, il sig. Tra le otto persone che lavorano o hanno lavorato per Trump ci sono Mr. Philbin è lì. Gli investigatori hanno anche intervistato l’ex segretario del personale della Casa Bianca Derek Lyons.

Alla Casa Bianca il sig. L’ultimo giorno di Lyons è il 18 dicembre 2020, il che significa che non sa come sono state imballate le ultime scatole mentre il signor Trump si prepara a partire. Ma aveva informazioni sul flusso di carta alla Casa Bianca e su come l’ex presidente gestiva le cose.

Attualmente il sig. L’FBI ha contattato circa una mezza dozzina di persone che lavorano per Trump e potrebbero sapere quali documenti ha ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.