La spesa meta sta minando le azioni di Facebook, ma qui ci sono le azioni di chip che potrebbero ripagare

Giovedì le azioni dei data center hanno rafforzato i ribassi del settore dei chip giovedì.

Azioni di Nvidia Corporation NVDA,
+2,35%
L’indice PHLX Semiconductor è aumentato fino al 7%, a fronte di un calo inferiore all’1% del SOX.
-1,26%
e l’indice S&P 500 SPX,
-0,62%.

Mercoledì tardo, Meta ha riportato l’utile trimestrale in calo di oltre il 50%. Si prevede spese in conto capitale da $ 32 miliardi a $ 33 miliardi nel 2022, rispetto al precedente intervallo da $ 30 miliardi a $ 34 miliardi. La società ha affermato che prevede una spesa in conto capitale da $ 34 miliardi a $ 39 miliardi nel 2023, “guidata dai nostri investimenti in data center, server e infrastrutture di rete”.

quando,
-25,58%
“L’aumento delle capacità di intelligenza artificiale guiderà in modo significativo tutta la nostra crescita della spesa in conto capitale nel 2023”, ha osservato.

Subito dopo che Meta ha fatto l’annuncio, l’analista di Jefferies Mark Lipasis ha scritto in una nota: “Commento positivo sugli investimenti di Alphabet GOOGL,
-3,15%,
Microsoft MSFT,
-2,22%
e Meta” provengono tutti da fornitori di apparecchiature per data center come Nvidia, Advanced Micro Devices Inc. AMD,
-1,46%,
Broadcom Inc. AVGO,
-1,03%
e Marvell Technology Inc. MRVL,
+3,59%.
Lipacis ha valutazioni di acquisto su tutti e quattro i titoli.

Giovedì le azioni di AMD sono aumentate fino al 5%, le azioni Broadcom fino al 2% e le azioni Marvel fino al 10%. Intel Corporation INTC,
-3,14%
Le azioni erano poco più dell’1% in più rispetto a quelle a un certo punto Un rapporto sugli utili è programmato dopo la chiusura di giovedì.

Commento: Facebook e Google sono diventati dei titani della tecnologia ignorando Wall Street. Ora porterà alla loro caduta

Jefferies ha osservato che la sola spesa in conto capitale di Meta per il 2023 mostra un aumento del 12% anno su anno a metà, rispetto al consenso di Wall Street di $ 29 miliardi, o un calo del 5% anno su anno.

“Riteniamo che gli investitori siano cauti riguardo al business dei datacenter di Nvidia in questo trimestre, ma ci aspettiamo tutti e quattro [equipment providers] per discutere le tendenze positive dei data center in questa stagione degli utili”, ha affermato Lipasis, che ha notato di essere stato un acquirente delle azioni Nvidia “prima della sua chiamata agli utili”.

Dal punto di vista dell’industria dei chip: la domanda di PC ed elettronica di consumo è fortemente diminuita, passando da una carenza globale di chip di due anni a un’improvvisa recessione nel giro di pochi mesi, costringendo i produttori di chip a frenare i nuovi investimenti. Capacità – Lipasis si è chiesto se l’eccesso raggiungerà mai le vendite dei data center, come molti temono.

“Un commento comune che sentiamo dagli investitori di Nvidia è ‘la scarpa del datacenter deve cadere'”, ha detto Lipasis, aggiungendo che i suoi dati mostrano che la scarpa è già caduta e una svolta è all’orizzonte.

Lipasis ha spiegato che le vendite di data center di Nvidia, AMD e Intel sono diminuite da $ 12 miliardi nel quarto trimestre del 2021 a $ 10,5 miliardi nel secondo trimestre e $ 10,5 miliardi nel terzo trimestre.

“Ciò è coerente con un modello da 4 a 5 QTR sopra la linea di tendenza dal 2017, seguito da un ‘digest’ della linea di tendenza da 2 a 3 QTR, il che significa che la scarpa del datacenter sembra essere già caduta”, ha affermato Lipasis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.