La Russia ha abbandonato la sua roccaforte nel nord-est dell’Ucraina dopo aver interrotto le rotte di rifornimento a Kiev

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

  • Il progresso più rapido nei mesi della svolta ucraina
  • Migliaia di truppe russe rischiano un possibile accerchiamento

KIEV/HRAKOVE, Ucraina, 10 settembre (Reuters) – Mosca ha abbandonato sabato la sua principale roccaforte in prima linea nel nord-est dell’Ucraina.

L’agenzia di stampa statale Tass ha citato il ministero della Difesa russo per aver ordinato alle truppe di ritirarsi dall’area intorno alla città di Izium nella provincia di Kharkiv e di rafforzare le operazioni militari altrove nella vicina Donetsk.

L’annuncio è arrivato poche ore dopo che le truppe ucraine in rapido avanzamento hanno catturato la città di Kubiansk, l’unico snodo ferroviario della Russia nel nord-est dell’Ucraina.

Dopo una rivolta di tre giorni che ha riconquistato dozzine di città e villaggi detenuti dalla Russia per mesi, le autorità ucraine hanno rilasciato le foto delle loro truppe che alzavano la bandiera blu e gialla del paese davanti al municipio di Kubiansk.

“Per raggiungere gli obiettivi dichiarati dell’operazione militare speciale per la liberazione del Donbass, è stato deciso di raggruppare le truppe russe situate nei distretti di Balaklia e Izium allo scopo di aumentare gli sforzi nella direzione di Donetsk”, ha affermato Doss citando il ministero della Difesa . Loro hanno detto.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Il resoconto di Reuters Correspondents è stato scritto da Peter Graff; Montaggio di Andrew Heavens

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.