La NASA si unisce alla caccia agli UFO

Segnaposto quando vengono caricate le azioni dell’articolo

La NASA si unisce alla caccia agli UFO, ha detto giovedì un alto funzionario dell’agenzia aerospaziale, formando un team per studiare “le osservazioni di eventi che non possono essere identificati come aerei o fenomeni naturali noti”.

Parlando alla National Academy of Sciences and Engineering, Thomas Zurbuchen, presidente della direzione dei servizi scientifici della NASA, ha affermato che l’agenzia spaziale porterà una prospettiva scientifica agli sforzi già compiuti dal Pentagono e dalle agenzie di intelligence per realizzare dozzine di tali opinioni. , E medicina. Ha affermato che, anche se è un campo di ricerca controverso, l’agenzia spaziale non dovrebbe vergognarsi della ricerca “ad alto rischio e ad alto impatto”.

Questo annuncio arriva un raro e poche settimane dopo Indagine storica davanti al Congresso Scene che il Dipartimento della Difesa chiama fenomeni aerei non identificati comunemente noti come UFO e Rapporto pubblicato lo scorso anno Il direttore dell’intelligence nazionale elenca più di 140 oggetti volanti non identificati dalle autorità.

Il 17 maggio, il Congresso ha avviato un’indagine sugli UAP (Unidentified Aerial Phenomena) noti come UFO. Ecco perché. (Video: Monica Rodman, Sarah Hashimi / The Washington Post)

Il Rapporto di nove pagine Tuttavia, l’udienza del Congresso su questo era esattamente da dove proveniva il licenziamento. I funzionari hanno affermato che non c’erano prove che i materiali fossero qualsiasi tipo di tecnologia spaziale avanzata sviluppata da Cina, Russia o altri paesi. Non ci sono prove che provenissero da altri pianeti.

Il piccolo numero di tali osservazioni rende difficile “trarre conclusioni scientifiche sulla natura di tali eventi”. Lo ha detto la Nasa in una nota. La compagnia ha affermato di essere interessata non solo alla sicurezza nazionale, ma anche alla sicurezza del volo in aria. Ha aggiunto che “non ci sono prove che gli UAP siano extraterrestri”.

Tuttavia, la NASA ha affermato di voler utilizzare il rigore scientifico per un problema preoccupante che è stato una soluzione per generazioni. Lo studio degli UAP si adatta all’obiettivo dell’agenzia di cercare segni di vita extraterrestre. Esplorazione dell’acqua su Marte Per studiare le lune di Saturno e Giove, ha detto l’agenzia.

“La NASA ritiene che gli strumenti per la scoperta scientifica siano potenti e applicabili qui”, ha affermato Surbuchen in una dichiarazione. “Abbiamo gli strumenti e il team per aiutare a migliorare la nostra comprensione dell’ignoto. Questa è la definizione di cosa sia la scienza. Questo è quello che facciamo.

L’iniziativa della NASA sarà guidata da David Sperkel, presidente della Simons Foundation di New York City e capo del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Princeton, e Daniel Evans, assistente co-direttore per la ricerca presso la Direzione del lavoro scientifico della NASA. La NASA ha affermato che lo studio richiederà nove mesi e sarà indipendente dall’iniziativa del Pentagono.

“La sicurezza nazionale e il controspionaggio sono possibili [impacts], Non è quello che facciamo per vivere. Non lo avremo alla NASA “, ha affermato Surbusen. Ma l’agenzia sta studiando l’atmosfera e l’aeronautica, e “c’è una folla crescente di diversi tipi di aerei nell’aria”, ha detto.

Il rapporto, diffuso dal Direttore dell’intelligence nazionale, ha rilevato che “alcuni UAP sembrano essere stabili nell’aria, senza meccanismi di impulso come muoversi controvento, manovrare improvvisamente o muoversi a velocità considerevoli”. “In un piccolo numero di casi, i sistemi di aerei militari attivano l’energia a radiofrequenza (RF) associata ai filmati UAP”.

Testimonianza davanti alla sottocommissione di intelligence della Camera per l’antiterrorismo, l’intelligence e l’antiterrorismo il mese scorso Ronald S. MuffaIl sottosegretario alla Difesa per l’intelligence e la sicurezza ha affermato che il Pentagono stava raccogliendo resoconti di testimoni oculari di misteriosi oggetti volanti che violavano le leggi della fisica.

“Siamo consapevoli che i nostri membri del servizio hanno incontrato eventi aerei non identificati”, ha detto al comitato bipartisan. “Stiamo cercando di determinare la loro origine”.

In un’intervista con il Washington Post l’anno scorso, il dirigente della NASA Bill Nelson ha detto di aver visto il rapporto riservato dell’UAP quando ha prestato servizio al Senato. “I capelli mi stavano sulla nuca”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.