La Federal Reserve in grande con il terzo aumento del tasso di interesse di tre quarti

L’aumento, poco compreso dai mercati alcuni mesi fa, ha portato il tasso di prestito chiave della banca centrale a un nuovo range target del 3%-3,25%. Questo è il tasso più alto sui fondi Fed dalla crisi finanziaria globale del 2008.

La decisione di mercoledì segna la mossa politica più dura della banca centrale dagli anni ’80 per combattere l’inflazione. Causerebbe dolore economico per milioni di imprese e famiglie americane aumentando il costo dei prestiti per cose come case, automobili e carte di credito.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha riconosciuto il dolore economico che questo regime di rapido inasprimento potrebbe causare.

“Nessuno sa se questo processo porterà a una recessione o, in tal caso, quanto sarà significativa tale recessione”, ha detto Powell in una conferenza stampa dopo l’annuncio della politica monetaria della Fed mercoledì pomeriggio. .

Un riassunto delle proiezioni economiche aggiornate della banca centrale, pubblicato mercoledì, rifletteva quel dolore: il rapporto trimestrale mostrava prospettive meno ottimistiche per la crescita economica e il mercato del lavoro, con il tasso di disoccupazione medio in aumento al 4,4% nel 2023, superiore a quello della banca centrale 3,9%. I funzionari prevedono che nel mese di giugno e sarà significativamente superiore al tasso attuale del 3,7%.

Il prodotto interno lordo degli Stati Uniti, una misura chiave della produzione economica, è rallentato allo 0,2% dall’1,7% di giugno. Questo è al di sotto delle stime degli analisti: gli economisti della Bank of America stimano che il PIL si adeguerà allo 0,7%.

Anche le previsioni di inflazione sono aumentate. Il SEP della banca centrale ha mostrato che le spese per consumi personali fondamentali, l’indicatore preferito dalla banca centrale per l’aumento dei prezzi, aumenteranno del 4,5% quest’anno e del 3,1% nel 2023. Questo è rispettivamente del 4,3% e del 2,7% nelle proiezioni di giugno.

La cosa più importante per gli investitori che cercano indicazioni prospettiche dalla Fed è la previsione del tasso sui fondi federali, che delinea ciò che i funzionari considerano il percorso politico appropriato per gli aumenti dei tassi in futuro. I numeri pubblicati mercoledì mostrano che la Federal Reserve prevede un aumento dei tassi di interesse negli anni a venire.

Il tasso medio sui fondi federali è stato rivisto al rialzo al 4,4% nel 2022 dal 3,4% di giugno. Quel numero sale dal 3,8% al 4,6% entro il 2023. Il tasso dovrebbe salire al 3,9% nel 2024 e al 2,9% nel 2025 dal 3,4% di giugno.

Nel complesso, le nuove proiezioni mostrano un rischio crescente di un atterraggio duro, dove la politica monetaria si inasprisce al punto da innescare una recessione. Forniscono anche alcune prove che la banca centrale è disposta ad accettare il “dolore” nelle condizioni economiche al fine di ridurre l’inflazione persistente.

I prezzi più alti significano che i consumatori spendono $ 460 in più al mese in generi alimentari rispetto a questo periodo dell’anno scorso, secondo Moody’s Analytics. Tuttavia, il mercato del lavoro resta forte, così come la spesa dei consumatori. Nonostante i significativi aumenti dei tassi ipotecari, i prezzi delle case rimangono elevati in molte aree. Ciò significa che la banca centrale potrebbe ritenere che l’economia possa ingoiare aumenti dei tassi più drastici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.