Il primo ministro del Regno Unito Boris Johnson si incontra lunedì con un voto di sfiducia

Il primo ministro del Regno Unito Boris Johnson

Piscina Wpa | Notizie Getty Images | Getty Images

Mentre il malcontento cresce sotto la guida del primo ministro britannico Boris Johnson, lunedì dovrà affrontare un voto di sfiducia.

Per innescare un voto di fiducia, il 15% dei legislatori conservatori (o 54 degli attuali 360 parlamentari conservatori) dovrebbe scrivere a Graham Brady, presidente del comitato del 1922 che sovrintende alle sfide della leadership del partito.

Lunedì, Brady ha annunciato di aver varcato la soglia.

Le votazioni si svolgeranno lunedì sera, ora locale, dalle 18:00 alle 20:00 ora di Londra (13:00 e 15:00 ET.).

Un rapporto il mese scorso In molti alti Govit-19 Le parti che hanno rotto il blocco dell’ufficio e della casa di Johnson sono state rilasciate, suscitando richieste di voto di fiducia.

Non appena è stato annunciato il voto di fiducia, un portavoce di Downing Street ha rilasciato una breve dichiarazione affermando che il referendum di stasera è stata “un’opportunità per porre fine alla speculazione mensile e consentire al governo di tracciare una linea e andare avanti per dare priorità alle persone”. Notizie.

La dichiarazione ha aggiunto che il Primo Ministro ha accolto con favore l’opportunità di presentare il suo caso al legislatore e avrebbe “ricordato all’elettorato che quando si concentrano insieme su questioni importanti, non c’è una forte forza politica”.

Alcuni alti legislatori conservatori hanno già espresso il loro sostegno al primo ministro. Lunedì il segretario di Stato Liz Truss ha twittato che Johnson aveva “supporto al 100%” nel sondaggio.

“Ha sostenuto la ripresa del governo e dell’Ucraina di fronte all’occupazione russa. Si è scusato per gli errori che ha commesso. Ora dobbiamo concentrarci sulla crescita economica”, ha affermato.

Se Johnson vincerà il referendum, sarà protetto da un altro voto di fiducia per altri 12 mesi, anche se ci sono notizie che le regole potrebbero cambiare.

Se Johnson perde il voto, sarà costretto a dimettersi e inizierà la corsa alla leadership dei conservatori. A quel punto, Johnson, in quanto leader estromesso, non sarebbe stato autorizzato a stare in piedi.

Johnson potrebbe dimettersi di sua spontanea volontà, ma nonostante le prime voci di insoddisfazione tra i parlamentari conservatori per la leadership colorata e spesso controversa di Johnson, non ha mostrato alcun segno di farlo.

Questa è una novità importante e verrà aggiornata a breve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.