Il ministro Liz ha lasciato il governo del Regno Unito con un nuovo colpo a Truss

LONDRA (AP) — Il primo ministro britannico Liz Truss Descrivendosi come un “combattente e non un mollatore”, mercoledì ha affrontato l’opposizione ostile e la rabbia del suo stesso partito conservatore per il suo piano economico mal concepito.

Eppure i volti severi dei legislatori conservatori dietro di lui alla Camera dei Comuni hanno suggerito che Truss ha affrontato una dura battaglia per salvare il suo lavoro. Ore dopo che Trudeau è apparso in parlamento per una sessione regolare di Domande del Primo Ministro, un membro di spicco del suo governo ha lasciato il suo incarico.

Il segretario all’Interno Suella Braverman ha detto di essersi dimessa perché ha infranto le regole inviando un documento ufficiale dal suo account di posta elettronica personale. Braverman ha affermato nella sua lettera di dimissioni di avere “preoccupazioni per la direzione di questo governo” – in un attacco appena velato a Truss – e che “gli affari del governo dipendono dalle persone che si assumono la responsabilità dei propri errori”.

“Non è una politica seria fingere di non aver commesso un errore, comportarci come se non tutti potessero vedere che l’abbiamo fatto e sperare che le cose migliorino”, ha detto.

Braverman è popolare nell’ala destra del Partito conservatore e un sostenitore di politiche di immigrazione più restrittive.

La coppia ha minacciato i mercati finanziari il 23 settembre, quando la coppia è stata annunciata dopo il pacchetto economico, pochi giorni dopo che Truss aveva licenziato venerdì il suo capo del Tesoro, Kwasi Kwarteng.

I 45 miliardi di sterline (50 miliardi di dollari) del piano di tagli fiscali non finanziati hanno scatenato turbolenze nei mercati finanziari, deprezzando la sterlina e aumentando il costo dei prestiti del governo del Regno Unito. La Banca d’Inghilterra è stata costretta a intervenire per evitare che la crisi si estendesse all’economia in generale e mettesse a rischio i fondi pensione.

Truss ha partecipato alla prima sessione delle Domande del Primo Ministro, guidata dal Cancelliere dello Scacchiere Jeremy Hunt, dalla sostituzione di Kvarteng. Ha strappato il pacchetto di tagli alle tasse svelato dal suo nuovo governo un mese fa.

Si è scusato in Parlamento e ha ammesso di aver commesso errori durante il suo breve mandato come capo del governo del Regno Unito, ma ha insistito sul fatto di essersi “assunto le responsabilità e preso le decisioni giuste nell’interesse della stabilità economica del paese” cambiando rotta.

“Dimettersi!” gridarono i membri dell’opposizione. Mentre parlava.

“Perché è ancora qui?” ha chiesto al leader laburista dell’opposizione Keir Starmer. Truss ha risposto: “Sono un combattente, non un che molla. Ho agito nell’interesse nazionale per garantire la stabilità economica.

Hunt lunedì ha demolito quasi tutti i tagli alle tasse di Truss, insieme alla sua politica energetica di punta e alla promessa di nessun taglio alla spesa pubblica. Ha affermato che il governo doveva risparmiare miliardi di sterline e che “una serie di decisioni difficili” dovevano essere prese prima di definire il piano di bilancio a medio termine il 31 ottobre.

I dati ufficiali pubblicati mercoledì hanno mostrato che l’inflazione nel Regno Unito è salita al 10,1% A settembre, è rimbalzato al suo primo massimo da 40 anni a luglio, poiché l’aumento dei prezzi dei generi alimentari ha compresso i bilanci delle famiglie. Nonostante l’aumento dell’inflazione in tutto il mondo, guidato dall’invasione russa dell’Ucraina e dal suo impatto sulle forniture energetiche, i sondaggi mostrano che la maggior parte dei britannici incolpa il governo per il dolore economico del paese.

Gli oppositori accusano anche il governo conservatore di seminare confusione invertendo la politica. Mercoledì, Truss ha promesso ai pensionati che le pensioni avrebbero continuato ad aumentare in linea con l’inflazione, meno di 24 ore dopo che il suo portavoce aveva affermato che il governo stava valutando la possibilità di annullare il costoso impegno mentre cerca di tagliare la spesa pubblica.

Con i sondaggi d’opinione che danno al Labour un vantaggio ampio e crescente, molti conservatori ora vedono che l’unica speranza di evitare l’oblio elettorale è sostituire Truss. Ma è fermamente convinto di non dimettersi. E i legislatori sono divisi su come sbarazzarsi di lei.

James, il nuovo ministro degli Esteri, ha saggiamente detto che i conservatori avrebbero “fatto degli errori” e ha esortato Truss a dargli un’altra possibilità.

“Quello che devi fare è riconoscere quando accadono ed essere abbastanza umile da apportare modifiche quando vedi che le cose non stanno andando bene”, ha detto.

Truss dovrà affrontare un altro test in parlamento più tardi mercoledì, quando i legislatori votano su una mozione laburista che cerca di vietare il fracking per il gas di scisto, una politica recentemente approvata da Truss.

Le fruste del Partito conservatore hanno affermato che il referendum sarebbe considerato una “mozione di fiducia nel governo”, il che significa che il governo cadrebbe se la mozione fosse approvata, innescando le elezioni. La maggioranza di oltre 70 conservatori lo rende improbabile, ma il sondaggio sarà seguito da vicino per individuare segni di dissenso sulla leadership di Trudeau.

L’addetto stampa di Truss ha detto che il primo ministro “non si è dimesso” ed era di umore “risoluto”.

Le elezioni nazionali non sono previste fino al 2024. Truss mercoledì sembrava escludere elezioni anticipate, dicendo che “è importante lavorare insieme per superare questo inverno e proteggere l’economia”.

Secondo le regole del Partito conservatore, Truss è immune da una sfida alla leadership per un anno, ma le regole possono essere modificate se un numero sufficiente di legislatori lo desidera. La speculazione si sta scaldando su quanti legislatori abbiano già inviato lettere per chiedere un voto di fiducia.

Alcuni legislatori conservatori ritengono che Druss potrebbe essere costretto a dimettersi se il partito accetta un successore.

Finora non ci sono precedenti. Rishi Sunak, il rivale della leadership conservatrice sconfitta di Trudeau, il leader della Camera dei Comuni Benny Mordant e il popolare segretario alla Difesa Ben Wallace hanno sostenitori, così come Hunt, che molti vedono già come primo ministro de facto.

Alcuni sostengono il ritorno di Boris Johnson, estromesso in estate dopo essere stato coinvolto in scandali etici.

Abilmente ha detto di aver capito perché i colleghi erano arrabbiati, ma ha detto che era sbagliato “rifiutare un altro primo ministro”.

___

Segui la copertura di AP sulla politica britannica su https://apnews.com/hub/liz-truss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.