I primi focolai di virus respiratori nei bambini sono elevati in alcuni ospedali



CNN

L’aumento delle malattie respiratorie tra i bambini inizia a mettere a dura prova gli ospedali.

In particolare, gli ospedali stanno assistendo a un aumento dei casi di virus respiratorio sinciziale, o RSV, un comune virus del raffreddore associato a gravi malattie nei bambini piccoli e negli anziani. Secondo gli ultimi dati di sorveglianza in tempo reale dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, i casi sono in aumento in molte regioni degli Stati Uniti, con alcune che si stanno già avvicinando ai livelli di picco stagionali.

I dati di sorveglianza raccolti dal CDC lo mostrano chiaramente Aumento in RSV A livello nazionale nelle ultime settimane, i casi rilevati dai test PCR sono triplicati negli ultimi due mesi, avvicinandosi al picco dello scorso anno. Il programma di sorveglianza del CDC acquisisce dati da 75 contee che rappresentano il 9% della popolazione totale degli Stati Uniti.

“La dipendenza da RSV aumenta nei bambini del Connecticut. Ottobre è senza precedenti per questo virus”, ha affermato Monica M. Buchanan ha detto alla CNN.

Buchanan ha affermato che i leader dell’ospedale si sono incontrati con il Dipartimento della salute pubblica del Connecticut e la Guardia nazionale per avviare una revisione logistica della collocazione di un ospedale da campo mobile sul Front Lawn e che giovedì sono previsti ulteriori lavori per la finalizzazione e l’approvazione.

Il vicepresidente esecutivo e medico capo del Connecticut Children, il dott. Juan Salazar ha detto a Kate Bolduan della CNN che i letti sono al massimo e che i bambini arrivano in ospedale a un ritmo “senza precedenti”: più di 100 hanno contratto il virus respiratorio sinciziale. Negli ultimi 10 giorni, anche molti che necessitano di terapia intensiva e ossigenoterapia.

“Lo faccio da molto tempo, sono al Connecticut Children’s da 25 anni e non ho mai visto un focolaio di questa portata, in particolare RSV, entrare nel nostro ospedale”, ha detto.

Salazar ha detto che l’ospedale deve ancora trasformarsi in una tenda da campo, “ma dobbiamo essere preparati nel caso in cui i numeri continuino ad aumentare. Quindi, se l’RSV aumenta ulteriormente e l’influenza ci colpisce alle spalle… il nostro ospedale avrà bisogno di capacità aggiuntiva.

L’aumento dei casi arriva prima nel corso dell’anno rispetto a quanto di solito i medici si aspettano.

“Avevamo una sorta di stagionalità per diversi virus”, ha affermato il dottor Thomas Murray, specialista in malattie infettive pediatriche e assistente professore presso la Yale University School of Medicine. Affiliato CNN WFSB. “Com’è ora, il virus respiratorio sinciziale o RSV arriverà a dicembre e se ne andrà seguito dall’influenza e andrà via e l’altro. Quello che è successo con il Covid è che ora girano tutti allo stesso tempo.

Nella maggior parte degli Stati Uniti, l’RSV viene generalmente trasmesso durante l’autunno, l’inverno e la primavera, ma i tempi e l’intensità della stagione dell’RSV in una determinata comunità variano di anno in anno.

Nel 2021, l’RSV ha raggiunto il picco in estate, quindi l’impennata dell’autunno e dell’inverno di quest’anno rappresenta un ritorno ai modelli ciclici visti negli anni pre-pandemici, secondo una dichiarazione della portavoce del CDC Kristen Nordlund.

Il cambiamento arriva quando altri virus respiratori – Covid-19, rinovirus, enterovirus e il coronavirus che causa l’influenza – stanno causando maggiore preoccupazione.

Salazar ha affermato che gli Stati Uniti stanno uscendo dall’era del Covid, quando i bambini erano relativamente poco esposti ai virus e ora li sta colpendo.

“Per le prossime quattro-otto settimane, penso che dobbiamo stare attenti”, ha detto Salazar, aggiungendo che farsi vaccinare contro l’influenza ora potrebbe aiutare a controllare l’aumento della febbre mesi dopo.

“Fai il vaccino antinfluenzale ai tuoi figli”, ha detto. “È ora che tu lo faccia.”

Il CDC raccomanda a tutti i soggetti di età pari o superiore a 6 mesi di sottoporsi al vaccino antinfluenzale.

La maggior parte degli Stati Uniti ha riportato un aumento precoce dell’attività influenzale stagionale, con le regioni sud-orientali e centro-meridionali del paese che hanno registrato i tassi di influenza più alti, secondo il CDC.

“Eccoci a metà ottobre – non a metà novembre – e stiamo già assistendo a casi diffusi di influenza in tutto il paese, persino pazienti affetti da influenza ricoverati in ospedale”, ha affermato il dottor William Schaffner, professore presso la Divisione di malattie infettive di Vanderbilt . Lo ha detto alla Galileus Web University Medical Center e direttore medico della National Foundation for Infectious Diseases.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.