Dopo che Beltola ha vinto in Alaska, è scoppiato il dibattito sul voto per scelta classificata

Commento

ANCORAGGIO — La democratica Mary Beltola Fatto storia Questa settimana la prima donna nativa dell’Alaska è stata eletta all’unico seggio del suo stato nella Camera degli Stati Uniti.

È anche diventato la prima persona a vincere un’elezione con il nuovo sistema di voto a scelta classificata dell’Alaska, un nuovo processo in cui gli elettori classificano i candidati in base alla preferenza. La pratica ha suscitato aspre critiche da parte di alcuni conservatori sulla scia della vittoria elettorale speciale di Beltola sull’ex governatore repubblicano Sarah Palin, mentre i conservatori l’hanno elogiata per aver premiato candidati meno polarizzanti e campagne più positive.

Uno dei critici più accesi è stato Palin. Giovedì, ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che i risultati della scelta classificata di questa settimana “non erano la volontà del popolo” e ha invitato l’altro finalista alle elezioni speciali concluse di recente, il repubblicano Nick Begich III, a terminare la sua campagna prima del generale di novembre elezione. I candidati torneranno per un periodo di due anni. Palin ha chiesto al governo di fornire maggiori informazioni sulle schede respinte.

Begich ha rilasciato la sua dichiarazione mercoledì, ritraendo Beltola come fuori dal contatto con la maggior parte degli abitanti dell’Alaska e non eleggibile sotto il nuovo sistema di Paul. A novembre, ha detto, i risultati del sondaggio hanno chiarito che “un voto per Sarah Palin era davvero un voto per Mary Beltola”.

Come i voti di seconda scelta hanno spinto un democratico alla vittoria in Alaska

L’elezione speciale dell’Alaska è uno dei test di più alto profilo per il voto a scelta classificata da quando è stato utilizzato nella corsa al sindaco di New York City l’anno scorso e prima nel Maine. Un emendamento costituzionale per adottare un nuovo sistema di voto simile a quello dell’Alaska è al ballottaggio del Nevada a novembre.

Gli esperti hanno messo in guardia dal trarre grandi conclusioni dalla vittoria di Beltola, dicendo che gli effetti del nuovo sistema dell’Alaska diventeranno chiari solo una volta che le gare saranno disputate e decise. Ciò accadrà a novembre, quando gli abitanti dell’Alaska schiereranno candidati in dozzine di campagne legislative statali, incluso il Senato repubblicano. La corsa alla rielezione e al Congresso di Lisa Murkowski di nuovo con Palin, Beltola, Begich e un quarto finalista.

“Quando è completamente imprevedibile, tutti si affrettano a prendere decisioni su chi ne trarrà vantaggio”, ha affermato Jack Sandusi, professore di politica alla Drexel University che ha studiato il voto a scelta classificata. “Le persone in realtà tendono a vedere ciò che vogliono vedere in questi risultati”.

Il nuovo sistema di selezione dei candidati dell’Alaska inizia con una primaria apartitica, in cui i primi quattro classificati avanzano alle elezioni generali e gli elettori ne scelgono solo uno. Ma in un’elezione generale, gli elettori classificano le loro preferenze sul ballottaggio. Se nessun candidato riceve la maggioranza dei voti di prima scelta, il candidato con il rendimento più basso viene eliminato e i suoi voti di riserva vengono riallocati tra i restanti contendenti. Il processo continua finché non c’è un vincitore.

Beltola era in testa dopo che i voti di prima scelta sono stati contati nelle elezioni speciali. Palin è arrivato secondo, ma non ha superato Beltola anche dopo aver tenuto conto delle scelte di riserva del terzo classificato Begich. (Un quarto finalista ha concluso la sua campagna prima delle elezioni, lasciando solo tre al ballottaggio.)

La metà degli elettori di prima scelta di Begich è arrivata seconda a Palin. Ma quasi il 30 percento ha scelto Beltola come seconda scelta.

Gli 11.222 voti esausti di Begich erano più del doppio del margine finale di Beltola su Palin.

Grafico: come il voto a scelta classificata cambierà il modo in cui funziona la democrazia


Nota: 47 voti non sono stati conteggiati nella tornata finale

Perché lo stesso grado è stato assegnato a molti altri

che un candidato.

Nota: 47 voti non sono stati conteggiati nel round finale poiché lo stesso grado è stato assegnato a molti altri

che un candidato.

Palin ha continuato a criticare il sistema durante la sua campagna, definendo il voto a scelta classificata inaffidabile, “cucù” e “di sinistra” in varie dichiarazioni e post sui social media.

Sen. Tom Cotton (R-Ark.) ha suonato note simili su Twitter, dire Mercoledì ha definito l’organizzazione una “frode per truccare le elezioni”.

“Il 60% degli elettori dell’Alaska ha votato repubblicano, ma grazie a un processo contorto e alle brogli elettorali – che privano gli elettori dei diritti civili – un democratico ‘ha vinto’ Ha scritto.

Ma altri osservatori hanno sostenuto che il risultato dice meno sul sistema di voto a scelta classificata e più sui concorrenti.

“Il problema per i repubblicani in Alaska non è il voto a scelta classificata; sono i loro candidati. Richiedere a un candidato di ottenere più del 50% per essere eletto non è una truffa; è sensato. Facciamo votare a scelta classificata ovunque. ha scritto L’ex membro del Congresso del Michigan Justin Amash, un tempo repubblicano, su Twitter.

Beltola, in un’intervista al Washington Post, ha attribuito la sua vittoria non al nuovo sistema elettorale dell’Alaska, ma al suo messaggio che avrebbe operato al di là delle linee di partito. “Penso che dimostri anche che gli abitanti dell’Alaska sono molto stanchi di combattimenti e attacchi personali”, ha detto.

Gli esperti hanno affermato che la quota di sostenitori di Begich che sono passati a Palin riflette in parte i sondaggi che mostrano i suoi alti voti negativi tra gli elettori dell’Alaska. Sebbene una campagna del GOP abbia esortato i repubblicani a “classificare in rosso” e contrassegnare i loro voti sia per Palin che per Begich, alcuni osservatori hanno affermato che i ripetuti attacchi reciproci dei due candidati potrebbero aver reso meno propensi i loro più fedeli sostenitori a scegliere l’altro candidato come secondo.

“I repubblicani che hanno votato per Nick hanno deciso di non andare troppo oltre e hanno consegnato le elezioni a Beltola”, ha detto Sarah Erkman Ward, una consulente politica del GOP di Anchorage assunta per educare i conservatori sul nuovo sistema. “Questo dovrebbe essere un campanello d’allarme per gli elettori repubblicani per ripensare la loro strategia”.

I sostenitori della scelta classificata hanno detto che non vedono l’ora che arrivino le elezioni di novembre in Alaska, quando elettori e candidati avranno una seconda possibilità di utilizzare il nuovo sistema e alcune lezioni da ciò che è accaduto nella corsa speciale al Congresso.

“Potrebbero fare delle scelte molto diverse”, ha affermato Rob Ritchie, presidente del gruppo di difesa della scelta classificata FairVote. I repubblicani, ha detto, “devono decidere quanto vogliono questo seggio”.

Gli elettori dell’Alaska hanno approvato il nuovo sistema elettorale dello stato in un’iniziativa di scrutinio del 2020 che è stata approvata solo dell’1%, meno di 4.000 voti.

Aveva un importante sostegno finanziario da società legate a Kathryn e James Murdoch, figlio del titano dei media Rupert Murdoch, e dell’investitore miliardario con sede a Houston John Arnold.

Altri sostenitori e attivisti coinvolti nella campagna elettorale hanno legami con Murkowski, che ha superato uno sfidante approvato da Trump alle primarie di agosto con il nuovo sistema apartitico ed è stato rieletto nel 2010 dopo aver perso le primarie del GOP. Campagna di scrittura delle elezioni generali. Ma i sostenitori del sistema in Alaska affermano che la loro visione è più ampia di una singola elezione e mira a ridurre la polarizzazione nella legislatura statale.

Nelle interviste del giorno delle elezioni, gli elettori dell’Alaska sono stati divisi in un modo nuovo. Molti conservatori hanno detto che era confuso e deludente e volevano tornare alle vecchie primarie partigiane e al sistema di voto pluralistico dell’Alaska alle elezioni generali.

“Perché dovremmo cambiare qualcosa che non è rotto?” Chris Chandler, 23 anni, impiegato di un’unione di credito di Anchorage, ha detto di aver trovato Ballin per primo e Begich per secondo. “E’ un altro modo per far entrare un altro democratico”.

Ma altri elettori hanno esortato alla pazienza. Dan Paulson, il difensore pubblico che ha superato Beltola, ha affermato che gli abitanti dell’Alaska hanno bisogno di tempo per adattarsi al sistema.

“La gente lo trova quando entra”, ha detto dopo aver votato ad Anchorage. “Penso che ci vorrà esperienza e pratica prima di ottenerlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.