Corsa alla leadership conservatrice: chi sostituirà Boris Johnson come primo ministro del Regno Unito?

Ora, con il governo a brandelli, gli allibratori e gran parte della Gran Bretagna stanno speculando sul suo successore. Tutti i candidati in corsa per la leadership saranno votati dai legislatori conservatori fino a quando ne rimarranno solo due nel round, a quel punto i membri del Partito conservatore in tutto il paese voteranno. Il vincitore diventa il nuovo leader del partito e il primo ministro.

Scopri i possibili contendenti qui.

Rishi Sunak

L’ex presidente è in carica da mesi come successore di Johnson dopo aver ricevuto elogi per aver supervisionato la risposta finanziaria iniziale della Gran Bretagna alla pandemia di Covid-19.

Ma ha affrontato molti scandali durante il suo mandato.

di Sunak Le azioni sono crollate all’inizio di quest’anno dopo che è stato rivelato che aveva violato le norme Covid per partecipare alla festa di compleanno del Primo Ministro il 19 giugno 2020, dopo di che si è scusato “senza riserve”.

I suoi affari finanziari e legali sono stati esaminati questa primavera a seguito di notizie secondo cui sua moglie ha lo status di non residente nel Regno Unito – non paga le tasse sul reddito estero – e che aveva una carta verde statunitense mentre prestava servizio come ministro.

La sua popolarità ha subito un duro colpo nelle ultime settimane a causa della sofferenza della Gran Bretagna La peggiore crisi del costo della vita degli ultimi decenni. Sunak ha lottato per ridurre l’inflazione ed è stato criticato dall’opposizione per misure fiscali lente e inadeguate. Tra i problemi economici che la Gran Bretagna deve affrontare dal suo incarico di Cancelliere dello Scacchiere del Regno Unito: i salari reali sono scesi al livello più basso degli ultimi 21 anni e l’inflazione è salita al massimo degli ultimi 40 anni. 9,1% a maggio.
Ma è ancora nel mezzo Bookmaker Le probabilità che Johnson ottenga il lavoro sono le preferite.

Sajid Javid

L'ex segretario alla salute Sajid Javid.

“Ancora una volta questa settimana, abbiamo tutti motivo di mettere in dubbio la verità e l’onestà di ciò che ci è stato detto. Ad un certo punto, dovremo decidere che è abbastanza”, ha detto mercoledì l’ex segretario alla salute alla Camera dei Comuni . Appuntamento e oneri relativi a Pincher.

Qualcosa è “fondamentalmente sbagliato” nel governo, ha aggiunto, e “il problema inizia dall’alto”.

Sebbene È Javid Un discorso di dimissioni per il primo ministro che delinea come riformare il partito per le generazioni future non è ancora chiaro se si candiderà.

Ma i sostenitori della candidatura di Javid credono che si prenderà il merito di aver spinto all’uscita finale di Johnson, il primo ministro del governo a dimettersi, seguito da Sunak pochi istanti dopo.

Il parlamentare si è candidato alla guida del partito due volte in passato: nel 2016, dopo il referendum sulla Brexit, e nel 2019, quando Johnson è stato infine eletto.

Abito Liz

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss.
Il ministro degli Esteri, che negli ultimi anni ha espresso le sue ambizioni di leadership, potrebbe ora essere in pole position. Abito Liz Ha votato per rimanere nel 2016, ma da allora è diventato una delle voci euroscettico più rumorose del governo, spingendo molti a cercare il suo posto di punta.

Ha un team forte e dedicato intorno a lui, alcuni dei quali hanno già lavorato a 10 anni, che sta producendo i suoi video e le sue foto. Ha cercato di incanalare l’ex primo ministro Margaret Thatcher, indossava un velo mentre guidava un carro armato e il suo ruolo nella risposta all’aggressione russa in Ucraina ha alzato il suo profilo pubblico.

L’abito era popolare tra i membri conservatori, che avrebbero scelto il vincitore in un concorso. Ma la caduta di Johnson potrebbe offuscare chiunque nel suo gabinetto allo stesso tempo, il che significa che gli elettori conservatori potrebbero diventare un backbencher.

Il mese scorso, una fonte che lavora al Foreign Office ha detto alla Galileus Web che Truss ha avuto “incontri infiniti con i parlamentari” e che stava “guardando qual è la sua base di supporto, e verrà il momento”. Il Truss Office ha negato che qualsiasi iniziativa di leadership segreta fosse imminente.

Benny Mordente

Il segretario al commercio britannico Benny Mordant.
Il ministro del Commercio è uno dei favoriti dei bookmaker per sostituire Johnson. Un sondaggio tra i membri del partito è stato pubblicato il 4 luglio attraverso il sito web Casa conservatrice È stato scelto come seconda scelta preferita, dietro l’attuale Segretario alla Difesa Ben Wallace.

Mordaunt è entrato per la prima volta in parlamento nel 2010 e successivamente è entrato a far parte del gabinetto sotto Theresa May, servendo come segretario per lo sviluppo internazionale e la sicurezza.

Dopo il voto di fiducia del mese scorso, Benny Mordente Ha rifiutato di commentare se ha sostenuto Johnson, alzando le sopracciglia tra il pubblico di Westminster quando ha detto: Non ho eletto questo Primo Ministro.

Tom Dugentat

Il comitato è presieduto da Tom Tugenthat.
Un ex ufficiale dell’esercito britannico a capo della commissione per gli affari esteri, Tom Dugentat È stato uno dei critici più accesi di Johnson, chiedendo al Partito conservatore di concentrarsi sulla “politica di divisione”.
Giovedì sul quotidiano The Telegraph, Tugendhat ha lanciato la sua offerta di leadership ha scritto: “Ho prestato servizio prima — nell’esercito, ora in Parlamento. Ora spero di rispondere di nuovo alla chiamata come primo ministro. È tempo di un inizio pulito. È tempo di rinnovamento”.

Ha delineato la sua visione per affrontare la crisi del costo della vita, tagliare le tasse e investire in aree trascurate del Regno Unito.

Nonostante non avesse esperienza di gabinetto o gabinetto ombra, Tugendhat ha impressionato i colleghi con la sua eloquenza e serietà, specialmente quando ha parlato delle ricadute dell’Afghanistan. È entrato in parlamento nel 2015 dopo aver prestato servizio nelle guerre in Iraq e Afghanistan.

Alcuni conservatori centristi chiave hanno già espresso il loro sostegno dietro il relativo jolly, ma alcuni temono che la sua esperienza lo renda troppo concentrato sugli affari esteri.

Nadeem Zahavi

Nadeem Zahavi è stato nominato nuovo Primo Ministro della Gran Bretagna.
Entro due giorni dalla sua nomina a cancelliere in sostituzione di Sunak, Nadeem Zahavi Ha pubblicamente chiesto le dimissioni di Johnson. “Fai la cosa giusta e vai avanti ora”, ha detto in una nota Twitter Con una lettera al Presidente del Consiglio.

Fino alla sua promozione, Zahavi, che era entrato a far parte del governo un anno prima, era considerato improbabile che sarebbe stato il prossimo primo ministro. Ma la sua ascesa sotto Johnson è stata rapida, lasciando il segno con successo iniziale come ministro dei vaccini e poi segretario dell’istruzione in mezzo alla pandemia di coronavirus.

Nonostante abbia votato per lasciare l’Unione Europea nel 2016, Zahavi è ampiamente ammirato tra i moderati del partito. Fondamentalmente, come ha affermato una fonte conservatrice, “non è stato al governo abbastanza a lungo da avere difetti evidenti e, nonostante abbia sostenuto Boris anche dopo il voto di fiducia, non è contaminato dall’associazione”.

Zahavi è nato in Iraq da genitori curdi ed è venuto in Inghilterra all’età di 9 anni quando la sua famiglia è fuggita dal regime di Saddam Hussein. Si ritiene che sia uno dei politici più ricchi della Camera dei Comuni e abbia contribuito a fondare la società di sondaggi YouKov.

Jeremy Hunt

Il deputato conservatore Jeremy Hunt.
Ex ministro della Salute e degli Esteri Jeremy Hunt Ha perso il voto di leadership del 2019 a favore di Johnson. Si è modellato come un antidoto a Johnson ed è senza dubbio lo sfidante di più alto profilo all’ex lato moderato del partito Remain.

In una dichiarazione su Twitter prima del voto di fiducia di giugno, Hunt ha dichiarato: “Chiunque creda che il nostro Paese sia forte, onesto e prospero sotto la guida dei conservatori dovrebbe considerare che le conseguenze del non cambiare cederanno il Paese ad altri. Non condividere quei valori. La decisione di oggi è cambiamento o perdita. Voterò per il cambiamento”.

Il rapporto di Hunt si è concentrato principalmente sulle possibilità di una vittoria elettorale sotto Johnson, sulle sue politiche o sullo scandalo Partygate, che potrebbe essere letto come un passo per i parlamentari conservatori e i membri che decidono un’elezione della leadership. Tuttavia, viene fornito con un bagaglio e fonti del partito laburista di opposizione hanno detto alla CNN che stanno già scrivendo linee di attacco.

“Non può essere Jeremy. Gestisce l’assistenza sanitaria da sei anni e il Labour può dire di non essere riuscito a prepararsi per una pandemia. È stato coinvolto con i Murdoch durante lo scandalo dell’hacking telefonico quando era segretario alla cultura. Sarà schiacciato “, ha detto alla CNN una fonte conservatrice di alto livello.

Altri potenziali concorrenti

Ben Wallace: Dalla sua nomina a Segretario alla Difesa nel 2019, Ben Wallace Ha vinto elogi per la sua gestione dell’invasione russa dell’Ucraina. Wallace, un ex capo dell’esercito, è riuscito a evitare lo scandalo e ha superato l’ultimo sondaggio del successore di Johnson, la Conservative House. Ma non è ancora chiaro se vuole il lavoro. Ha rifiutato di commentare se sarebbe scappato mentre parlava con i giornalisti giovedì.
Il segretario alla Difesa Ben Wallace.
Michele Cove: Il ministro responsabile dell’agenda di punta di Johnson “Levelling Up”, mirata a trasformare le comunità più trascurate del Regno Unito, Michele Cove È stato rimosso dal gabinetto dopo aver esortato Johnson a dimettersi. Gove ha lavorato a stretto contatto con Johnson nel 2016 prima di far deragliare la sua candidatura correndo contro di lui per la leadership del partito, una mossa che ha chiamato il mese scorso. “Sbagliato.” Ha detto che non correrà più, ma se il passato è indicativo potrebbe cambiare idea.
L'ex ministro Michael Gove.
Steve Baker: Una parlamentare anti-Verdi che dirige un gruppo di ricerca europeo che chiede una Brexit dura ha confermato che sta valutando la possibilità di candidarsi a primo ministro. Steve Baker disse Custode Se vince, smantellerà le politiche ambientali e aumenterà l’uso del Paese e la produzione nazionale di gas.
Il deputato conservatore Steve Baker.
Suella Braverman: Il procuratore generale ha espresso interesse a contestare un futuro concorso. In un’intervista ITV, Suella Braverman Ha invitato Johnson a dimettersi e ha detto che si sarebbe unito alla corsa alla leadership per sostituirlo, “il che sarebbe un enorme onore”.
Il procuratore generale Suella Braverman.

George Engels della CNN a Londra ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.