Borse europee in chiusura, dati sull’inflazione USA

Mercati europei: ecco i bandi di apertura

Giovedì i mercati europei si sono diretti verso un’apertura al ribasso mentre gli investitori di tutto il mondo si sono preparati per gli ultimi dati sull’inflazione statunitense.

Secondo i dati di IG, l’indice FTSE del Regno Unito dovrebbe scendere di 12 punti a 6.812, il DAX tedesco di 41 punti a 12.150, il CAC francese di 23 punti a 5.803 e l’FTSE MIB italiano di 40 punti a 20.324.

Una minore apertura in Europa arriva in un clima misto globale, in vista dell’ultima misura dell’inflazione statunitense. futures su azioni statunitensi Alcuni si sono svegliati durante la notte I mercati sono stati contrastanti nella regione Asia-Pacifico Gli investitori aspettano dati.

Lo mostrano le stime di consenso del Dow Jones L’IPC è aumentato dello 0,3% a settembre dallo 0,1% di agosto. Ciò porterebbe il ritmo annuale dell’inflazione all’8,1% dall’8,3%.

I dati di mercoledì hanno mostrato che un aumento dell’indice dei prezzi al consumo ha seguito dati sui prezzi alla produzione migliori del previsto. Il Indice dei prezzi alla produzione negli Stati UnitiI prezzi aggregati, una misura della domanda finale, sono aumentati dello 0,4% a settembre, battendo la stima di consenso di un aumento dello 0,2%, secondo Dow Jones.

I mercati stanno digerendo i verbali rilasciati mercoledì dalla riunione della Federal Reserve di settembre La banca centrale dovrebbe continuare ad aumentare i tassi di interesse fino a quando l’inflazione non sarà vista rallentare.

Un punto di vista è che alcuni pensano che la banca centrale potrebbe ridurre gli aumenti dei tassi se i mercati finanziari continuano a essere in subbuglio.

Sul fronte dei dati in Europa, la Germania pubblica i dati finali sull’inflazione di settembre.

– Holly Elliott

CNBC Pro: Goldman Sachs sostiene Tesla, un’altra grande casa automobilistica anche durante la recessione

Goldman Sachs aumenta le previsioni per le vendite di auto elettriche Tesla Un’altra importante casa automobilistica trarrà vantaggio dalla legge sulla riduzione dell’inflazione.

Ciò avviene in un momento in cui l’industria automobilistica deve affrontare diversi venti contrari nel 2023, dall’aumento dei tassi di interesse al calo della domanda dei consumatori.

Gli abbonati CNBC Pro possono leggere di più qui.

– Ganesh Rao

I verbali della Fed mostrano che la banca centrale vede più aumenti dei tassi e tassi più alti per un periodo di tempo più lungo

Verbale della riunione di settembre della Federal ReservePubblicato mercoledì, la banca centrale prevede che i tassi di interesse continueranno a salire e li manterrà alti fino a quando l’inflazione non mostrerà segni di allentamento.

I verbali riflettono le deliberazioni dei politici in vista dell’ultimo aumento di 0,75 punti percentuali, il terzo aumento consecutivo di tale portata emesso quest’anno.

La banca centrale è stata sorpresa dal ritmo incessante dell’inflazione, ma resta ottimista sul fatto che gli aumenti dei tassi contribuiranno a riportare l’inflazione sotto controllo.

-Carmen Reinicke, Jeff Cox

CNBC Pro: Meta è un’azione da comprare o da imbrogliare? Un toro e un orso si affrontano

Questi sono tempi tumultuosi MetaGli investitori sono fuggiti quest’anno mentre lottano contro i venti contrari.

Il titolo è sceso nel trading di fine settembre Basso Da gennaio 2019 – da allora è diminuito ancora di più.

I grandi investitori stanno valutando l’acquisto della società madre di Facebook e le sue azioni sono troppo a buon mercato ora o da evitare?

CNBC “Segnali stradali Asia” Independent Solutions ha parlato con Paul Meeks di Wealth Management e Jake Dollarhyde di Longbow Asset Management, che hanno dovuto affrontare un caso rialzista per Meta.

Gli abbonati Pro possono leggere di più qui.

– Weissen Don

Le azioni chiudono in ribasso dopo una sessione attiva

Tutte e tre le principali medie hanno chiuso mercoledì in ribasso tra guadagni e perdite per tutta la giornata.

L’S&P 500 è sceso dello 0,33% a 3.577,03, la sua chiusura più bassa da novembre 2020 e la sua sesta perdita giornaliera consecutiva.

La media industriale del Dow Jones ha chiuso in ribasso di 28,34 punti, o dello 0,10%, a 29.210,85. Il Nasdaq Composite ha chiuso in ribasso dello 0,09% a 10.417,10.

-Carmen Reinicke

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.