Boeing lancia la capsula per astronauti Starliner in missione di prova senza pilota

Il Navicella spaziale Il razzo Atlas V, lanciato dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida, ha preso il volo giovedì alle 18:54. Dopo aver lanciato la capsula del razzo in orbita, il veicolo spaziale ha esercitato i propri impulsi per spingerlo nella giusta direzione. I funzionari della Boeing hanno confermato “l’inserimento orbitale” di Starliner – un segno che il veicolo spaziale era sulla buona strada – circa mezz’ora dopo.

Ma durante una conferenza post-lancio, i funzionari hanno rivelato che gli impulsi non funzionavano correttamente.

“Abbiamo due propulsori che falliranno”, ha affermato Mark Nappy, vicepresidente e project manager del programma Starliner di Boeing. “Prima è stato sparato, è stato sparato per un secondo, poi è stato spento. Il sistema di controllo del traffico aereo lo ha fatto e l’ha cambiato in un secondo drive”.

Quel propulsore è stato poi sparato solo 25 secondi prima di essere spento, secondo Nappi. Il sistema di controllo del volo lo ha ripreso e ha dato un calcio alla terza spinta, che ha sparato come previsto.

“Il sistema è progettato e progettato inutilmente esattamente come avrebbe dovuto essere”, ha detto Nabby ai giornalisti giovedì sera.

Questo problema non dovrebbe influenzare la missione generale, ha detto Nabby.

Alcuni rifornimenti per gli astronauti già a bordo dell’aereo e uno Manichino che indossa una tuta spaziale di nome RosieRosie la rivettatrice dopo la seconda guerra mondiale.
Starliner si è rivelato un progetto difficile per Boeing, che inizialmente credeva che il veicolo spaziale sarebbe stato operativo nel 2017. Afflitto da ritardi e ostacoli alla crescita. Il primo tentativo di questo volo di prova, noto come OFT-1, è stato ridotto nel 2019 a causa di un problema con l’orologio interno dello Starliner. Questo errore ha fatto bruciare in modo errato i propulsori nella capsula e l’hanno messa fuori combattimento, e le autorità hanno deciso. Porta la navetta a casa Piuttosto la missione deve continuare. Ci è voluto più di un anno per risolvere quel problema e altri problemi software.
Più recentemente, c’è stato Starliner Soffriva di problemi alle valvole. Quando il veicolo spaziale è stato inviato al sito di lancio nell’agosto 2021, un test pre-volo ha rivelato che le valvole principali erano bloccate in posizione e gli ingegneri non sono stati in grado di risolvere immediatamente il problema.

Alla fine la capsula doveva essere fatta rotolare fuori dalla rampa di lancio. Quando gli ingegneri non sono stati in grado di ripararlo sul posto, è stato necessario portarlo allo stabilimento Boeing per la riparazione completa.

Le valvole sono diventate una fonte di continue polemiche per l’azienda. Secondo un recente rapporto di ReutersL’Aerojet Rocketine, con sede in Alabama, un subappaltatore che produce valvole, è in contrasto con Boeing sulla causa principale del problema delle valvole.

Boeing e NASA non sono d’accordo, secondo i funzionari della NASA durante una recente conferenza stampa.

La loro indagine ha indicato che l’umidità stava entrando nelle valvole e causando “corrosione” e “incollaggio”, ha detto la scorsa settimana il vicepresidente Boeing e project manager di Starliner Mark Nappy in una conferenza stampa. Ciò ha portato l’azienda a sviluppare una soluzione a breve termine che ha sviluppato un sistema di pulizia che includeva una piccola borsa, progettata per prevenire l’umidità che causa corrosione. La NASA e la Boeing affermano di essere a proprio agio con questa soluzione.

Steve Stitch, Project Manager del Business Team della NASA, ha dichiarato la scorsa settimana: “Siamo in una buona posizione per pilotare quel sistema.

Ma non è la fine. Boeing ha rivelato la scorsa settimana che alla fine avrebbe dovuto riprogettare le valvole.

“Vogliamo fare un po’ più di test e, sulla base di questi risultati, ci assicureremo che tipo di modifiche faremo in futuro”, ha detto Nabby. “Ne sapremo di più nei prossimi mesi”.

Non è chiaro quanto tempo impiegherà o ritarderà ulteriormente il primo volo spaziale di Boeing se verranno compiuti progressi con una riprogettazione completa delle valvole Boeing, a quel punto, la pianificazione è in ritardo di diversi anni rispetto al programma. Secondo documenti pubblici, la sbornia con Starliner costerà all’azienda mezzo miliardo di dollari.

Nel frattempo, SpaceX, un tempo considerato un concorrente arretrato nel programma Commercial Crew della NASA, ha già lanciato cinque missioni spaziali e due crociere per la NASA. Il lancio del suo veicolo, il Crew Dragon, ha lanciato in orbita gli astronauti dal suolo statunitense dopo il ritiro del programma dello space shuttle nel 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.