Breaking News :

Juve-Napoli, la sentenza: si rigioca. E Rino recupera un punto

Juve-Napoli, la sentenza: si rigioca. E Rino recupera un punto

Dopo il 3-0 a tavolino deciso dagli organi federali, l’ultimo grado di giustizia sportiva riassegna il punto di penalizzazione agli azzurri e stabilisce che l’incontro si dovrà disputare

Juve-Napoli va rigiocata e il club azzurro recupera il punto di penalizzazione deciso dalle sentenze di primo e secondo grado. Il Collegio di garanzia presieduto dall’ex ministro degli Esteri Franco Frattini ribalta il verdetto di Tribunale federale e Corte Sportiva d’Appello e riscrive la classifica. A questo punto bisognerà trovare uno “slot” per la sfida. Si era parlato di una data possibile per il 13 gennaio, spostando il turno di coppa Italia. Ma la soluzione provocherebbe un rinvio di troppe partite scatenando un problema di incastri difficili da risolvere. Insomma, tutto lascia pensare che si vada in campo a maggio. Intanto cambia la classifica di Serie A: tolto il punto di penalizzazione al Napoli e i tre punti frutto del 3-0 a tavolino alla Juve. Ecco i primi posti: Milan 31, Inter 30, Juventus, Napoli e Roma 24, Sassuolo 23 (Juventus e Napoli, ovviamente, con una partita in meno).

Avvisaglie

—  

Che l’aria fosse quella di un pronunciamento in direzione opposta rispetto a quello di primo e secondo grado, lo si era capito con la decisione della Federcalcio di non costituirsi nel procedimento per difendere le sentenze della sua giustizia sportiva. Restava la procura generale dello Sport. Ma l’avvocato Alessandra Flamminii Minuto, una dei procuratori nazionali dello Sport, ha espresso un eloquente scetticismo quando ha detto che la Corte Sportiva d’Appello aveva fatto “il passo più lungo della gamba”. Parole che inevitabilmente hanno pesato anche nel convincimento del Collegio. “Non era una scelta, ma un obbligo – ha sottolineato nel Salone d’Onore del Coni, dove il dibattimento si è svolto in presenza nel rispetto delle norme sul distanziamento –. Il Napoli non aveva neanche una ragione su un milione per sottrarsi alla sfida”. Le prime dichiarazioni dopo il pronunciamento vengono dall’avvocato del Napoli: “Non si può rischiare la vita per una partita”, dice Mattia Grassani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Please follow and like us:

Redazione Football

Read Previous

Come Amazon Prime Video farà gol sul calcio anche in Italia

Read Next

Gravina: “Il 2020 è stato difficile anche per il calcio. Con Mancini rapporto leale”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *