Breaking News :

Football Economy – Scibilia, dg Venezia: “Per ripartire serve un milione di euro a club”

Scibilia, dg Venezia: "Per ripartire serve un milione di euro a club"

foto venezia fc

Dante Scibilia, dg del Venezia, si è collegato in diretta nel corso della trasmissione Stadio Aperto, in onda sulle frequenze web di TMW Radio, raccontando la sua personale esperienza nell’aver contratto il Coronavirus: “Mi collocherei in una zona intermedia: ho avuto qualche sintomo verso la fine di febbraio, il 23 o 24, ma non così gravi da richiedere un ricovero in terapia intensiva. Purtroppo ho avuto la sfortuna di averlo contratto in un periodo nel quale si sapeva davvero pochissimo. I miei sintomi sono stati identificati con una normale influenza, ma col passare del tempo mi sono reso conto che certi sintomi così strani potevano essere ricondotti al virus: ho avuto grandi difficoltà respiratorie, a fare una rampa di scale mi sembrava di salire su una montagna ripida per ore e ore, tosse, febbre altalenante a 37.5-38 ma con la percezione che fosse a 40 perché non riuscivo neanche a mangiare. Pure qualche problemino renale, che adesso devo verificare. Poi ho fatto il test sierologico, e son risultato positivo. Oggi sto bene, non ho alcun problema e lavoro da casa perché noi ancora in sede non siamo rientrati. Passati i sintomi ci ho messo una quindicina di giorni ad avere una vita normale: la stanchezza mi è rimasta per parecchio tempo”.

Anche Vacca, uno dei vostri giocatori, ha vissuto questi problemi. Da club colpito direttamente, cosa ne pensa della ripresa della B?
“In società come la nostra o la Cremonese c’è una sensibilità diversa rispetto ad altri, perché abbiamo vissuto la situazione più da vicino, sia sul territorio che per la squadra. Loro hanno perso il loro magazziniere, e queste cose ti danno un’attenzione diversa. Ho cercato sempre di affrontarlo senza considerare i desideri delle persone: al di là di ciò che vorrei, provo a fare un’analisi seria. Invece vedo che c’è una corsa a voler riprendere in tutti i modi, ma bisogna essere oggettivi e valutare cosa si può fare e cosa no. Oggi è difficile esprimere un giudizio, non abbiamo neanche un protocollo certo ma si rischia che molte società non riusciranno a porlo in essere, non si possono garantire certi parametri con le strutture che abbiamo. Le società andrebbero anche incontro a rischi penali così. In Germania hanno deciso di ripartire perché hanno costruito certe basi, mentre qui non si sono neanche risolti i problemi principali. La Serie A sta già facendo i tamponi, forse perché hanno canali privilegiati, in B nessuna. Se una società di Serie B chiama l’Asl, gli viene detto che i tamponi prima vanno ad altre categoria. Senza quelli, però, non possiamo neanche garantire che si riprenda. Il rischio è che non si riesca a ripartire: la Lega di B ha detto che si riprende a certe condizioni. L’aspetto economico però non è da poco: l’impatto è di circa 800-900mila euro a società, in media. Non tutte le società se lo possono permettere, non hanno più fondi perché stanno perdendo ticket, merchandising, e noi stessi che ne abbiamo tanto non stiamo più vendendo niente, ma anche i biglietti, i rimborsi per gli abbonati… Un milione non sono pochi soldi, e serve che qualcuno ci venga in aiuto. Pensate a società come Trapani, Cosenza e Crotone che ogni partita in trasferta devono spendere 40mila euro di volo charter, e non possono fare altrimenti. In più i test che sarebbero circa un 100mila euro in più, la spesa per prendere un albergo in esclusiva che sarebbero 3-400mila euro, più i soldi per il pullman da tenere sanificato… Cominciano ad essere tanti soldi. Ci sono società che sono in grado di farlo, altre che sono più attente al budget chiuderebbero la serranda se spendessero questi soldi per poi fermarsi di nuovo. Non si può far altro che ripartire solo quando ci sarà il protocollo, augurandosi che sia preciso e disciplini bene le varie fattispecie, non delle linee guida alla Ponzio Pilato. Sennò si scaricherebbe tutta la responsabilità sulle società, mentre deve prendersela il Governo”.

fonte tuttomercatoweb

Please follow and like us:

Redazione Football

Read Previous

Football Economy – Bundesliga e Bundesliga 2 ripartiranno dalla 26° giornata il 16 maggio

Read Next

Football Economy – Per la ripresa del campionato niente test a calciatori e allenatori in Svezia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *